Potere Prostituente

Col rogo di Giordano Bruno, la gente ci si è riscaldata.

  • Blogroll

    • Corrias, Gomez, Travaglio
    • Duemilanovebattute
    • Il Pensiero Scomodo
    • La voce della Lega,  di Rag.Fantozzi
    • Liberazione
    • Partito Sociale

Archive for aprile 2009

Il Bagaglino al Parlamento Europeo

Posted by BubbleGun su aprile 28, 2009

cavour26E’notizia ufficiale, il Bagaglino è stato tagliato da Canale 5 causa ascolti risicati e per l’occasione si è ipotizzato un trasferimento in massa dalla rete TV al parlamento europeo.

 Berlusconi, ricorderete che un anno fa voleva abolire le preferenze anche alle elezioni europee perché poi c’era il rischio che qualche candidato, magari non voluto da lui, passasse davanti a quelli voluti da lui, che spesso sono in grado di essere eletti soltanto quando non c’è nessun altro intorno. Infatti lui disse “voglio che in Europa ci vada gente altamente qualificata e che in tutte le commissioni ci siano professionisti di ciascuna materia”. Vediamo da prime indiscrezioni cosa intendeva con gente altamente qualificata: le gemelle De Vivo reduci da L’isola dei famosi già ricevute a Palazzo Grazioli o Palazzo Chigi, Barbara Matera, già letteronza a Mai dire domenica e comparsa nella serie Carabinieri, Angela Sozio, che nel curriculum può vantare alcune giornate trascorse a Il grande fratello e alcune ore trascorse nella villa Certosa sulle ginocchia o nei paraggi del Presidente del Consiglio, Camilla Ferranti, reduce da Incantesimo ma anche, questo è importante perché c’è un suo perché, sorella di un Consigliere comunale di Forza Italia a Terni, Eleonora Gaggioli che ha partecipato alle serie televisive Don Matteo e Elisa di Rivombrosa e quindi anche lei ovviamente ha diritto a un posto, sono proprio candidate di diritto al Parlamento europeo. Ecco almeno il PDL ha cercato realmente di svecchiare e di dare più spazio alle donne, basta essere dunque letterina o velina o passare una giornata ad Arcore per entrare nelle piene competenze attinenti alla carica di parlamentare europeo, se invece non sai ballare ma sai ragionare, il tuo posto è altrove, in luoghi imprecisati.

Non hanno invece tentato lo svecchiamento il PD e l’UDC, il PD candida Luigi Berlinguer, l’UDC candida invece nientemeno che udite udite CIRIACO DE MITA, esatto proprio lui, insieme a Vittorio Sgarbi che si fa portavoce di un partito che richiama la “famiglia tipo”come valore fondamentale, quando lui sappiamo tutti cosa pensa della famiglia.. La novità sta nel fatto che si offrono per una candidatura anche Pippo Baudo, Mike Bongiorno, Totò Riina, Silvana Pampanini, e la cantante Arisa che in quanto ad acume intellettuale di certo non scarseggia. Tutto ciò sempre per svecchiare la politica e mettere al posto giusto le persone competenti.

* In foto: partecipanti al congresso di Parigi del 1856 (primo a sx Camillo Benso Conte di Cavour)

 

Enzo Castaldi

Annunci

Posted in Attualità, Chiesa, Cultura, Democrazia, Diritto, Economia, Novità, Partitocrazia, Politica, Satira, Storia, Televisione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Di chi è il 25 Aprile?

Posted by BubbleGun su aprile 25, 2009

Sfatiamo i luoghi comuni.

Tutti pensate che il 25 Aprile sia la festa della Liberazione dal nazifascismo, operata in maniera eroica nel 1945 da quegli sfigati delle Brigate Garibaldi, Matteotti e Giustizia e Libertà meglio conosciuti come partigiani, con l’appoggio degli eroi americani i quali ci garantirono inoltre scorte in quantità di sigarette e cioccolata, ci fecero conoscere il rock’n’roll e Mike Bongiorno (per questo soprattutto ancora li ringraziamo, appoggiandoli in ogni dove)

Dimenticatevi tutto ciò.

Il 25 Aprile è la festa dei Repubblichini di Salò, i quali combatterono eroicamente contro i traditori italiani, in nome del Duce, del Fuhrer, di Berlusconi e di Barbara Chiappini, di Bruno Vespa, Costanzo e il cane di Milly Carlucci. (Se dimentico qualcuno aiutatemi)

In nome del popolo italiano.

Enzo Castaldi

Posted in Attualità, Cultura, Democrazia, Diritto, Economia, G20, Nato, Novità, Partitocrazia, Politica, Ronde, Satira, Sfiga, Storia, Televisione | Leave a Comment »

La “sfiga” siamo noi

Posted by BubbleGun su aprile 23, 2009

Un gradito ritorno ieri notte su Rai 2, le interviste sul ring di 12° round.
La trasmissione fu sospesa, dopo lunghe polemiche, per un’intervista mai trasmessa con Alessandra Mussolini alla vigilia del suo annuncio di presentarsi alle Regionali per il Lazio, probabilmente in merito alla decisione di candidarsi per rifondazione comunista.
Proprio in merito ai comunisti, particolare attenzione mi ha destato l’intervista all’attore Massimo Ghini, ex militante del Pci, poi Ds, ora Pd (sembra un percorso fatto a ostacoli, che parte con una scalata e arriva in discesa, peccato però che i freni non funzionino..), il quale anche non rinnegando come tanti altri il suo passato comunista, si è categoricamente definito un liberale e alle ripetute domande sul suo passato politico, ha cominciato ad accusare i colpi, evidentemente sentendosi ripetere spesso quella assurda parola, il suo fisico cominciava a non reggere più.
Qualcuno ignaro dei fatti magari penserebbe: “ma cos’hanno mai fatto questi comunisti in Italia? Perché tutti hanno timore nel nominarli (anche coloro che in passato lo erano), perché il nano di Arcore li demonizza continuamente?”
Una spiegazione cè: sono portatori/trici di sfiga.
E’ questo il motivo per cui sono stati spesso mandati in esilio, fucilati, costretti a nascondersi ecc..
Altro che sovversivismo, altro che rivoluzione, altro che liberazione d’Italia, altro che Carlo Marx e sfruttamento, tremende catastrofi si abbattono su chi pronuncia quella parola, o su chi osa parlare con uno di loro, peggio nel definirsi tale! Allora facciamo come se non fossero mai esistiti..

E.C

Posted in Attualità, Chiesa, Cultura, Democrazia, Economia, Partitocrazia, Politica, Satira, Sfiga, Storia | Leave a Comment »

Bentornato proibizionismo

Posted by BubbleGun su aprile 20, 2009

Per la serie chi se lo sarebbe aspettato..

Il compagno Silvan-o ha osato fare una battuta in quel di Domenica In-validi, sulla nota bacchetta magica preparata al Signor Silvio per risanare le casse dello Stato e ricostruire con un click le case in Abruzzo.

Delirio e panico totale.

La signorina Bianchetti sbianca, esatto, non era solo cerone che colava, ma era anche nervosismo. Attimo di black out e di smarrimento, lo studio invaso dai fantasmi di Vauro e Luttazzi e lei, come nei migliori film thriller, con un balzo mentale si è rivista a lavare i piatti e cucinare al posto delle sue cameriere personali.

Di lì a poco la secca smentita, manco Silvan si fosse tirato giù i pantaloni, che mi venga un colpo, sarà ripicca per la fede persa?

Bentornato proibizionismo, perchè se n’era andato?

 

E.C

Posted in Attualità, Democrazia, Diritto, Novità, Politica, Religione, Satira, Televisione | Leave a Comment »

Insetti da guardia delle “pagnotte”

Posted by BubbleGun su aprile 18, 2009

bugiardi_200Chi di noi non ha un animale domestico.

Spesso esso è capace di donarci tanto amore, ma volendo, diventare aggressivo e pericoloso con gli estranei, o coloro che entrano furtivamente nei cosiddetti “territori”.

Anche le televisioni private e di Stato, hanno i loro animaletti da guardia, che ringhiano e mostrano i denti, ma ben più volentieri sono soliti strusciarsi e fare le fusa al padrone come richiesta di affetto o di carriera o anche di altro se il padrone è dell’altro sesso ( non è questa tuttavia una particolarità indispensabile).

Il fido Fede è un esempio, anche se viene sbeffeggiato e sculacciato dal suo padrone, che lo considera un po’ pecorella (però lo paga).

La Rai invece ha gli insetti ballerini.

Quelle particolari specie che danzano al ritmo di flagranti melodie con la sensibile Carlucci, quegli insetti che quando il Tribunale di Palermo condanna Dell’Utri a nove anni per mafia, mandano in scena nel loro salotto un dibattitino Fassino-Tremonti sul taglio delle tasse, quegli insetti che mandano in onda un approfondimento sul film di Natale “Christmas in Love” mentre il Presidente Ciampi boccia una riforma del Ministro Castelli perché palesemente incostituzionale, e non ultimo, ecco che mentre è in auge la vicenda Santoro-Vauro, fresca fresca dal nido esce la Ventura con Morgan e l’altra di cui ancora devo imparare il nome.

L’arte di omettere e strusciarsi sul padrone.

Altro che cani da guardia del potere, insetti da guardia della pagnotta.

 

 

E.C

 

 

Posted in Animali, Attualità, Democrazia, Diritto, Novità, Partitocrazia, Politica, Satira, Televisione | Leave a Comment »

Democraziautopia e il riequilibrio di “Annozero”

Posted by BubbleGun su aprile 15, 2009

Un immediato riequilibrio relativo ai servizi andati in onda dall’Abruzzo giovedì scorso (in merito stanno anche progettando una macchina del tempo) e la sospensione del vignettista Vauro, per il disegno dedicato all’aumento delle cubature dei cimiteri per accogliere le vittime del sisma: si concretizza in questi termini l’intervento del vertice della Rai nei confronti di Michele Santoro, dopo la contestata puntata di Annozero sul terremoto.

 

 

Pensavo che in realtà i vari Santoro, Travaglio, Guzzanti e non ultimo Vauro, facessero comodo al governo secondo quella che è la teoria del conflitto di Lewis A. Coser:

 

“ Il conflitto ha sì la capacità di innescare un cambiamento, positivo o negativo, ma ha anche la capacità e il compito di mantenere la coesione all’interno del gruppo. Esistono conflitti interni ed esterni al gruppo, che possono mantenere la stabilità del gruppo stesso e aumentarne la coesione. Il conflitto esterno stabilisce un’identità di gruppo, delimitandone i confini e rafforzando la partecipazione dei membri, mentre il conflitto con altri gruppi definisce un confine e, entro a quel confine, il comportamento che i membri del gruppo devono tenere”.

Praticamente ai membri di un gruppo fa comodo avere chi gli rema contro dall’esterno, in quanto questo li fa sentire più uniti contro il nemico comune.

 

Tutte queste belle parole e teorie si sono rivelate solo ipotesi di pensiero, in questo caso l’obiettivo è l’eliminazione mentale dell’avversario o ipotetico tale (ammesso che ne esistano ancora).

L’ultimo grave attacco alla democrazia è compiuto (il prossimo sarà per il web fidatevi), negata la libertà di espressione e di pensiero alla stampa, gli ultimi giornalisti che avevano ancora il coraggio di parlare (vera o falsa che siano le tesi ma almeno controcorrente) stanno per essere, per l’ennesima volta accantonati.

Allora teniamoci i luoghi comuni, le interviste ai calciatori, e le uniche diatribe e presunte verità, risparmiamole per decidere se è giusto o sbagliato il comportamento di Corona e degli altri sfigati concorrenti dei reality, guai a sprecare anche una sola parola per altro, in tempi di crisi, è bene dosarle ed evitare inutili sprechi.

Vespa insegna.

 

E.C

Posted in Attualità, Cultura, Democrazia, Diritto, Economia, Novità, Partitocrazia, Politica, Roghi, Ronde, Satira, Storia, Televisione | Leave a Comment »

“Dedicato a chi è snervato”

Posted by BubbleGun su aprile 14, 2009

Vi riporto per intero un articolo che una mia amica mi ha gentilmente mostrato.

L’autore è  Gianni Canova,  fondatore del mensile di critica cinematografica indipendente  “Duellanti” ( su cui appunto è stato pubblicato quest’articolo).

un_partito_cosc3ac1

Prendete un paese immaginario in cui il presidente del consiglio controlla direttamente la più grande azienda televisiva privata (è sua) e influenza indirettamente quella di stato nominando ai vertici ( ma anche raccomandando nel sottobosco giovanotti e signorine a lui molto vicini/e). Immaginate che in questo fantomatico paese aspetti a quel che resta dell’opposizione parlamentare il diritto di  proporre un  nome per la presidenza dell’azienda televisiva pubblica. Come pensate dovrebbe agire un’ opposizione degna di questo nome, consapevole della centralità politica del governo delle immagini e desiderosa di farsi polo d’attrazione della voglia di cambiamento che comunque attraversa il paese?

 Un’opposizione minimamente pensante avrebbe sparigliato le carte. Avrebbe inventato dal basso una candidatura nuova, imprevista, spiazzante. Fuori dalle regole, fuori dagli schemi. Avrebbe pescato nella galassia dei cervelli che studiano la comunicazione audiovisiva nei centri di ricerca e nelle università, tra quelli che praticano nuove forme di marketing visual-virale, tra quelli che scardinano i palinsesti e navigano nel social network, tra quelli che sperimentano nuove forme di comunicazione nelle web tv e l’avrebbe messo li a dirigere la RAI. Impossibile? Non scherziamo: se Berlusconi ha fatto ministro Mara Carfagna, non c’è nulla di impossibile. Ma l’impossibile bisogna non dico volerlo, ma anche solo aver voglia di provare a sognarlo. E la sinistra in questo nostro immaginario fantomatico folle e disgraziato paese di sogni non ne ha più. Non ha più energia. È snervata, esausta, esaurita. Molto perbene, certo. Molto responsabile. Tanto responsabile che per gestire la tv pubblica ha tirato fuori dal cilindro due nomi al di sopra di ogni sospetto: un ottantaseienne (Sergio Zavoli) e un ottantenne (Angelo Guglielmi). Persone Perbene, non c’è dubbio. Persone che hanno fatto la storia della televisione. Che hanno inventato Il Processo alla tappa e Blob. Ma che appartengono, appunto, al passato. Allo scorso millennio. Se l’opposizione non ha davvero altri nomi o se li ha ma non li propone perché troppo poco controllabili, poco allineati, troppo pensanti, troppo poco fedeli, allora vuol dire che non c’è alternativa. Il  fatto che alla fine, alla presidenza rai, sia stato nominato Paolo Garimberti, altra persona perbene, seria e competente ma tutta dentro le pratiche consociative del vecchio potere, non cambia i termini della questione. Con questa logica, aveva ragione Nanni Moretti, Berlusconi sarà presidente a vita.

 

 

 

 

 

 

 

Posted in Attualità, Cinema, Cultura, Democrazia, Diritto, Economia, Novità, Partitocrazia, Politica, Satira, Storia, Televisione | Leave a Comment »

Bertolaso, il “dittatore dei cataclismi”

Posted by BubbleGun su aprile 13, 2009

E pensare che ci sono scienziati che studiano come riprodurre gli individui (cloni ndr.).

Abbiamo avuto e continuiamo ad avere sotto gli occhi sia su carta stampata che ora anche in televisione, il clone anzi la reincarnazione dei più grandi condottieri morali dei secoli passati, e che giustamente si pone come il nuovo che avanza. A coloro che avessero sentito il suo nome solo ultimamente, dopo la catastrofe in Abruzzo, vorrei ricordare qualcosa:

 

Guido Bertolaso (Roma, 20 marzo 1950) è un funzionario e medico italiano, dal 2001 direttore del dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, e dal 21 maggio 2008 sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’Emergenza rifiuti di Napoli nel IV Governo Berlusconi.

Nell’ottobre 2006, Bertolaso è stato nominato dall’allora governo Prodi Commissario straordinario per l’emergenza rifiuti in Campania[2], incarico che lascerà il 7 luglio 2007, dopo numerose polemiche, soprattutto a causa della volontà di aprire una discarica a Valle Masseria, nel Comune di Serre, a ridosso di un’Oasi del Wwf.

Nel 2007 è Commissario delegato per l’emergenza incendi boschivi( giustamente per la sua mania di aprire discariche vicino alle oasi e foreste) mentre, nel 2008, durante il primo Consiglio dei Ministri del Governo Berlusconi IV, viene nominato Sottosegretario ai rifiuti, tornando così ad occuparsi dell’emergenza campana.

Il 4 febbraio 2009 si è appresa la notizia che risulta indagato nell’inchiesta denominata “Rompiballe”, uno dei filoni d’indagine più complessi sul disastro rifiuti a Napoli, con l’accusa di concorso in truffa per lo smaltimento dei rifiuti.

 Il 6 aprile 2009 viene nominato Commissario Straordinario per l’Emergenza nella gestione del dopo terremoto che ha sconvolto l’Abruzzo nella notte, causando centinaia di vittime.

Ora, se un semplice medico nonché iracondo, può arrivare ad attirarsi le simpatie sia da destra che da sinistra, un motivo ci sarà.

Se un semplice medico, da anni è “dittatore dei cataclismi e dei grandi eventi” un motivo ci sarà.

Ebbene, io credo abbia dei poteri paranormali, ed è qui che mi spiego anche il feroce accanimento contro Giuliani, il quale aveva osato prevedere il terremoto prima di lui. D’altronde se ci pensate bene, una persona che ricopre tante cariche importanti, e va comunque soggetta a tante inchieste e polemiche, per essere ancora presente, deve per forza avere poteri paranormali!

Il bello è che gli incarichi sono sempre più importanti.

Il particolare potere evidentemente consiste anche nell’attirarsi le simpatie delle più alte cariche istituzionali, l’Uomo della “provvidenza” non si può criticare, manco fosse Gesù Cristo, o forse si, solo che invece di  scendere dal cielo, è sceso dalla monnezza di Napoli, visto che siamo un paese di maghi..

Enzo Castaldi

Posted in Attualità, Chiesa, Cultura, Economia, Novità, Partitocrazia, Politica, Religione, Satira, Storia, Televisione, Terremoto Abruzzo | Leave a Comment »

Cronache in mondovisione

Posted by BubbleGun su aprile 12, 2009

Alzati Italia.

Unica Nazione ad avere un Presidente del Consiglio che gestisce in prima persona le gravi emergenze a cui è soggetta.

Lo abbiamo visto calarsi nei panni di un “monnezzaro” a Napoli, e ora lo vediamo nei panni di angelo custode e di ingegnere, con tanto di maglioncino, carte, mappe e casco, promuovere e sponsorizzare la costruzione di una “new town”.

E poco importa se il catasto della città, edificio considerato “antisismico”, si sia sgretolato e spappolato come burro alla prima scossa, Egli ha salvato le mappe, lo dicono anche tutte le televisioni italiane, da sempre imparziali, le quali mentre sempre Lui interviene telefonicamente, mandano foto in loop di Lui che prega, che abbraccia una signora, che accarezza gente, che si mischia tra i volontari della Protezione civile dell’amico Bertolaso, che sovrasta i vari presentatori e showgirl.

 

Tutti gli altri da parte per cortesia.

 

E.C

Posted in Attualità, Cultura, Democrazia, Diritto, Economia, Novità, Partitocrazia, Politica, Satira, Storia, Televisione, Terremoto Abruzzo | Leave a Comment »

Niente più “ronde”, l’ira di Maroni

Posted by BubbleGun su aprile 9, 2009

ge21837ela-ronde-postersAlla fine pare che per il momento l’urgenza “ronde” sia stata accantonata.

Il Carroccio, che della sicurezza fa il suo tema forte (probabilmente ogni leghista amerebbe avere la sua ronda privata in camera mentre dorme), deve incassare, nella stessa giornata, il doppio stop alla Camera di due norme che considerava vitali: le ronde e la permanenza dei clandestini nei Cpt (centri professionali di torture). Le prime vengono stralciate dal decreto, la seconda viene cancellata grazie al voto di alcuni parlamentari della maggioranza che si schierano con l’opposizione. Troppo per Bossi e soci che danno libero sfogo alla rabbia e chiamano in causa il premier: “Berlusconi garantisca per le scelte di governo”. Gli emendamenti, che mirano alla soppressione dell’articolo 5 del decreto legge, che aumentava a 180 giorni il tempi di permanenza nei Cpt degli immigrati, passano con 232 voti a favore, 225 contrari e 12 astensioni.

Curioso il comportamento di alcuni “dipietristi” astenuti, ma una ragione c’è, molto probabilmente hanno frainteso le parole del loro leader, stranamente, in quanto il buon Di Pietro gode di una dialettica alquanto dantesca.

Anche diciassette parlamentari del Pdl votano con l’opposizione e il Carroccio insorge: “E’ un tradimento”, pronti già fondi extra da detrarre all’Abruzzo in quanto zona centrale, da investire per l’equipaggiamento armato delle “ronde leghiste”, in merito già contattati produttori di olio di ricino. Il ministro dell’Intero Roberto Maroni alza i toni: “Sono furibondo, piuttosto del vecchio metodo dell’olio, preferirei la “ruota”. Dal 26 aprile dovremo rimettere in libertà 1.038 clandestini” (tra questi anche dei cloni di Berlusconi di colore, i quali non possono essere ancora liberati) . Poi la secca chiamata in causa del premier: “Intervenga, serve il suo impegno per le scelte del governo. Per due volte le nostre iniziative sono state smentite dal voto dei franchi tiratori. Chiederò a Berlusconi di farlo lui il franco, perchè evidentemente io non riesco a farlo e lo ammetto, sono più portato per Ciccio. O ci riesce il presidente del consiglio o dovrò prendere atto che sull’immigrazione clandestina la maggioranza, o una parte di essa, non la pensa così severamente come la pensiamo noi”( quindi per gli eretici interni è invece pronto il “pendolo”). Ma le parole di Maroni non piacciono al Pdl. ronde-copia“Nessuno scagli la prima pietra, nessuno faccia il primo della classe, bisogna rimediare prima che sia troppo tardi, questo provvedimento è necessario” dice Ignazio La Russa – Semmai bisogna cercare di capire chi siano stati i 12 franchi tiratori e parlargli in separata sede. Piuttosto che lamentarsi bisogna adesso cercare di rimediare rimettendo in piedi l’inquisizione”.

 

E.C

Posted in Animali, Attualità, Cultura, Democrazia, Diritto, Novità, Partitocrazia, Politica, Religione, Roghi, Ronde, Satira, Storia | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »