Potere Prostituente

Col rogo di Giordano Bruno, la gente ci si è riscaldata.

  • Blogroll

    • Corrias, Gomez, Travaglio
    • Duemilanovebattute
    • Il Pensiero Scomodo
    • La voce della Lega,  di Rag.Fantozzi
    • Liberazione
    • Partito Sociale

Posts Tagged ‘Favole’

Il napoletano medio e la legge dell’accumulo: niente per niente, molto per tutto.

Posted by BubbleGun su settembre 28, 2010

Qualche volta accade che, nel loro giro ad andamento sussultorio, le vicissitudini decidano di fermarsi ad un bivio, e tu lì, in un immobilismo catatonico, ad attendere che ti carichino sul loro treno privato che talvolta è a fermata unica ed irripetibile.
Accade talvolta anche che il capotreno fischi e il treno parta: come nei sogni in cui si cade e non ci si riesce più a rialzare, tu arranchi, strisci, alla fine ce la fai ad aggrapparti, e il treno corre veloce, tu lì che stringi i denti per non mollare la presa, consapevole che anche un solo dito staccato potrebbe costarti caro.

Niente di tutto ciò.

Accade anche talvolta, che il treno giunga a destinazione e che la destinazione sia fisica, reale che più reale non si può.
Accade anche che la realtà ti entri nel naso ed esca da non so dove (o forse non esce), in quanto tutto ha un odore.. o una puzza.

Adoro la maggior parte dei napoletani, ma non riesco a comprendere il napoletano medio. Probabilmente la media è da sempre sinonimo di mediocrità, o probabilmente la media non è altro che un idealtipo weberiano: non esiste, è solo una costruzione mentale o sociale messa lì per comparare gli eventi con essa, e dar giudizio. E qui viene il bello: poniamo Gianturco -giusto un po’ dietro la stazione Garibaldi- poniamo un bar e te che entri per chiedere un caffè, un po’ assonnato, un po’ stanco. Sei solo. Nessuno ti si fila, al massimo qualche sguardo per capire se tifi per il Napoli o meno, o per capire se hai giocato al video-poker privato di colui che alle 8 del mattino è già lì pronto a litigare con una macchina spila-soldi (probabilmente per far sì che nessuno la occupi, dorme lì col sacco a pelo..o.. non dorme). E poi il miracolo… mettiamo caso che entri con una tua amica o conoscente bellissima.. puntualmente quegli stessi sguardi indifferenti si trasformano in inchini! “Prego Dottore! Fat’ nu cafè o dottor!”.. “Buongiorno al nostro dottoore! Prufssò il solito?”.. mentre cerchi di capire se “il solito” è inteso alla consumazione o al gratta e vinci che ti rifilano, e che magari è anche già grattato. Estasi. Ma poi accade che ti si accende la classica lampadina!! Il napoletano medio ha la cultura dell’accumulo. Se tu sei niente, rimarrai niente per tutta la vita. Se tu sei poco, diventi molto. Se tu sei molto, diventi Onnipotente! Grande caratteristica direte voi! Si, certo, ma torniamo all’inizio del racconto..

La cultura dell’accumulo si trasferisce anche sulla monnezza, mica solo sulle persone. E così vedi macchine parcheggiate a bordo strada da cui escono sacchetti dell’immondizia ben imballati, i quali, volando, si posano gentilmente e delicatamente su altri all’urlo di “Chest è pà raccolta differenziat!”.. “Chest è plastica, chest è umido e chest è..” bestemmia. Niente di strano se questo accumulo di “materiale differenziato” che differenziato non è, non sia all’interno di un cassonetto, ma sui bordi delle strade. E poi cartoni. A Napoli esistono tanti di quei cartoni (provate a passare per via Di Tocco) che ci si potrebbero costruire interi grattacieli! Altro che centro direzionale!
Grottesco? Già. Comico? Pure. Ma di chi è la colpa?
Se data la legge dell’accumulo su accumulo, con tanto avrai moltissimo e con niente avrai niente, la colpa non può esser del napoletano medio. Allora ditemelo voi, per una volta, vi ascolto.

Affettuosamente dedicato ai miei amici napoletani..

Enzo Castaldi

Annunci

Posted in Attualità, Clientelismo, Cultura, Democrazia, Diritto, Economia, Novità, Partitocrazia, Politica, Satira, Televisione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Papi castoro, raccontaci una storia

Posted by BubbleGun su maggio 30, 2009

Ricordate uno dei più vecchi rimedi (ora c’è internet) per far addormentare gli impauriti o mai domi bimbi? Il caro buon libro delle favole. Alice nel paese delle meraviglie, Cappuccetto rosso, La bella addormentata nel bosco.. sono solo alcuni esempi di favole meravigliose che in quegli anni ci allietavano, il tutto reso magico e sereno dalla dolce voce dei nostri genitori, persone fidate. Il governo italiano, ben sensibile su questi temi, e da sempre attento alla felicità delle famiglie (si ricordino i tanti precari e cassintegrati, appunto perché i bambini hanno bisogno dei genitori al loro fianco), ha pensato bene di ripristinare le antiche usanze: ogni sera all’ora di cena la figura più sorridente, gioiosa e ben pettinata del popolo italiano, racconta puntualmente a reti unificate, favole atte ad allietare stavolta oltre ai bambini, anche gli adulti. “La crisi che non c’è”, “Veronica rossa e il magistrato cattivo”, “Noementola” e non ultima la favola della vacanza estiva promessa ai terremotati, dopo la gentile concessione delle fastose stanze nelle numerose case di sua proprietà, che ovviamente non sono le baracche blu dove ogni giorno si fa baldoria e campeggio. Nel frattempo si fa spazio nelle carceri, buttando fuori taluni e promuovendoli in qualche alta carica istituzionale, per far si che spunti un posticino per qualche magistrato rosso (di invidia) complice dell’orco cattivo che sbrana i bambini.

 

 

Enzo Castaldi

Posted in Attualità, Novità, Partitocrazia, Politica, Satira, Storia, Televisione, Terremoto Abruzzo | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »