Potere Prostituente

Col rogo di Giordano Bruno, la gente ci si è riscaldata.

  • Blogroll

    • Corrias, Gomez, Travaglio
    • Duemilanovebattute
    • Il Pensiero Scomodo
    • La voce della Lega,  di Rag.Fantozzi
    • Liberazione
    • Partito Sociale

Posts Tagged ‘Pensiero Scomodo’

In risposta alle critiche sul nostro operato

Posted by BubbleGun su marzo 21, 2010

Leggo alcuni commenti sul noto social network facebook in cui ci si rimprovera di essere autoreferenziali e di pensare ad ubriacarci ed a gozzovigliare invece di diffondere il nostro quotidiano “Liberazione” tra i cassintegrati e gli operai. Giusto due parole per rispondere a tale accusa: il Partito della Rifondazione Comunista di Battipaglia e l’associazione “Pensiero Scomodo” intendono aprire la loro sede e spesso ci riescono con notevoli risultati a differenza del recente passato in cui ci veniva ricordato frequentemente di essere un partito di “vecchi” con idee “vecchie e decrepite”, a tutti quei giovani che il Sabato sera non possono permettersi di andare nelle note discoteche locali da vips o presunti tali, a tutti quei giovani che non vogliono andare nelle discoteche locali perché mal sopportano la musica e mal sopportano gli ambienti, e dunque a tutti quei giovani (e ve ne sono tanti credetemi) che non hanno uno spazio a Battipaglia per ascoltare un po’ di musica diversa da ciò che ci offre la radio o la moda del momento grazie soprattutto al vostro amato Vincenzo De Luca che ha teso ed anzi si è imposto sulla chiusura dell’asilo politico si Salerno, a tutti quei giovani che si recano in sezione semplicemente per ritrovarsi e scambiare quattro chiacchiere o fare una partita a ping pong o dipingere sui muri della sezione o venire a leggere qualche riga dei testi che abbiamo in libreria, e pazienza se ogni tanto ci scappa una birra in più. A noi pare che Battipaglia non abbia mai avuto un luogo del genere, e ci teniamo a dichiarare che a differenza dei tanti progetti ascoltati in campagna elettorale e poi mai attuati, noi non ne abbiamo mai parlato anzi abbiamo fatto di più: abbiamo agito. Per la diffusione dei giornali, beh cari amici critici, stiamo aspettando anche voi per cominciare a farlo.

Fraternamente
Giovani Comunisti Battipaglia

Posted in Attualità, Politica | Contrassegnato da tag: , , | 2 Comments »

La magia della matita elettorale

Posted by BubbleGun su febbraio 28, 2010

Il clima che si crea intorno alle elezioni di qualsiasi genere è sempre molto particolare e coinvolgente. Da piccolo, imprecavo in preda all’invidia, contro mio padre e i miei familiari, perché loro potevano votare ed entrare in quella magica cabina con quella magica matita di cui se ne dicevano di cotte e di crude: essa poteva segnare le sorti di un intero paese! “Cavolo”, pensavo tra me e me, immaginando che in quella cabina si aprisse un mondo fantastico o che magari gli individui potessero sentirsi partecipi di gesta epiche come quelle dei cavalieri o dei condottieri che studiavo a scuola, solo impugnando il potente mezzo. Come poteva una matita segnare le sorti del paese? Quale magia sprigionava? Era forse appartenuta ad un potente mago in passato, sottoforma di bacchetta magica?
Gli anni passarono e venne il giorno in cui anch’io dovetti impugnare quell’oggetto. Ed anche se avevo ormai abbandonato l’idea del mondo fantastico della cabina elettorale, era comunque una grande emozione varcare la soglia del proibito. Votai. Non ci dormii la notte: “Avrò votato bene? Cambierò anch’io dunque ora il mondo con il mio voto? Aspettai trepidante i risultati, il mio partito di riferimento si attestava intorno al 7%, era il 2001. Deluso, pensai che allora non era come sembrava, non potevo cambiare un bel niente con quel misero 7%. Continuavo a vedere sempre le stesse facce in televisione, cambiare schieramenti politici, cambiare alleanze, e il mio partito di riferimento perdeva man mano di consensi, fino ad arrivare al capitombolo del 2008. “Ma cosa c’è che non va in quella matita? Perché solo per me non funziona?”. Ora a dispetto di qualche anno ho finalmente capito cosa spinge quella matita: l’egoismo. Altro che magia, altro che potenti maghi, è l’egoismo che porta al consenso verso il candidato soprattutto nelle realtà locali e regionali. Ecco perché vedo manifesti elettorali di consiglieri comunali muti da 700 voti (questa è magia, cavolo!) cambiare schieramenti come si cambia l’abito la mattina, e continuare a raccogliere magari gli stessi consensi forse proprio grazie al “sordomutismo”. O di altri consiglieri provinciali che parlano di “voltare la pagina” di un libro che è ormai decrepito e cade in frantumi, o di sceriffi leghisti travestiti da “sinistra” ed appoggiati da personaggi che si ritengono di sinistra e non hanno le palle di dire NO, vittime anche loro di quella forma di “sordomutismo” che si chiama “male minore e bipolarismo”. Di fronte a questi personaggi io l’abito continuerò a non cambiarlo, fiero ed orgoglioso, e voterò Paolo Ferrero e la Federazione della sinistra alle regionali. Sperando che la matita riprenda magari a distribuire flusso magico, come quando ero bambino.

Godo nella pazzia, ma nella normalità impazzisco.

Enzo Castaldi

Posted in Animali, Attualità, Clientelismo, Cultura, Democrazia, Diritto, Partitocrazia, Politica, Satira, Storia | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Natale siete tutti più buoni?

Posted by BubbleGun su dicembre 24, 2009

Da Pensiero Scomodo di Dicembre (Editoriale)

Com’era quella favola che spesso ci ripetevano in passato? Ah si: “A Natale siamo tutti più buoni”, beh mai come stavolta suona oltremodo bene. Probabilmente si sentiranno più buoni i soliti comunisti dopo la maestosa manifestazione del 5 Dicembre in quel di Roma, a cui noi tutti (Associazione e Rifondazione Comunista “A.Gramsci” di Battipaglia) abbiamo preso parte. Confesso le mie iniziali perplessità su un evento che ha avuto nel nostro Premier l’unico bersaglio (benché lecito); perché focalizzare ancor di più l’attenzione su di lui, perché renderlo ancor più vittima? Perché aggregarci ai dipietristi finti sinistroidi? C’erano e ci sono ahimè problemi ben più gravi, di cui tuttavia non intendo parlare in questa sede, ma ammetto che i miei dubbi si sono completamente placati alla vista di quel rosso che malgrado i tempi che corrono, continua ad infiammarmi. Mi è servito, mi ha reso consapevole che forse, la voglia di riemergere e di farci vedere è ancora ben viva in noi, ed ho capito che il senso della manifestazione per noi comunisti, è stato in primis combattere la campagna di demonizzazione e oscurantismo di cui siamo vittime! Quindi un augurio speciale e laico a voi Compagni e Compagne, rara è la vostra capacità di rigenerazione, degna in modo tale da lasciar sbigottiti. Probabilmente si sentirà più buono il nostro Premier, pronto anzi prontissimo a recarsi in carcere per perdonare il suo aggressore, quel tal Tartaglia, come il suo maestro Papa Giovanni Paolo II fece con Ali Agca tempo addietro. Probabilmente si sentirà più buono lo stesso Tartaglia, ma non Di Pietro, il quale stanco del suo primato di cerebroleso ha tentato di far spaccare la testa all’uomo più vicino a lui mentalmente, peccato che il killer selezionato abbia sbagliato mira. Probabilmente si sentiranno più buoni gli insegnanti, gli alunni e i genitori degli alunni della Scuola “Fiorentino” di Battipaglia dopo l’incontro con il novello Sindaco battipagliese ed il suo fido scudiero Sancio Panza. Probabilmente si sentirà più buono lo stesso Sindaco di Battipaglia, anzi più caldo, riparato dai nuovi assessori usati come coperta termica e riscaldato dalla legna ricavata dal taglio dei pini di Piazza Aldo Moro e del “Centro Sociale”. Auguri!

Enzo Castaldi

Posted in Animali, Chiesa, Cultura, Democrazia, Diritto, Novità, Partitocrazia, Politica, Religione, Satira, Storia | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Per uno che cade, tanti se ne innalzano

Posted by BubbleGun su novembre 22, 2009

Dalla rubrica “Soggiocando” su Pensiero Scomodo

Ci sono località che mai diventerebbero note se non fosse per gli scempi che vi si compiono e per i muri che si ergono. Probabilmente San Nicola Varco, sarebbe rimasta una semplice striscia di terra del comune di Eboli, nota solo ai residenti o vicini, oppure sarebbe diventata nota per un maestoso centro commerciale che vi sorgerà presumibilmente a breve; fatto stà che è saltata alla ribalta in queste settimane, per lo sgombero forzato delle centinaia di immigrati che vi sostavano; costoro si ritrovano ora a girovagare per la piana del sele o in chissà quale altra zona del mondo (molti di loro sono stati fermati dalle forze dell’ordine), senza una meta, cercando ancora una volta di prestare le braccia sempre più deboli, alla nostra agricoltura. Ecco, nel ventesimo anno dalla caduta del Muro di Berlino che secondo tanti ha segnato la svolta verso la libertà, sempre ed incessantemente nuovi muri si innalzano impetuosi: sono i muri della ghettizzazione e della mercificazione dell’altro, dell’invidia, della prepotenza e dell’anticultura, il muro dell’individualismo forzato e del qualunquismo, governa e governerà indisturbato per decine e decine di anni ancora grazie a noi tutti, lettori e non lettori. Merita un forte applauso il Sindaco di Sicignano degli Alburni, Alfonso Amato, il quale ha messo a disposizione dei migranti per qualche notte, un vecchio convento dei Padri salesiani, mentre non una parola di solidarietà (figuriamoci asilo) dai Sindaci democristiani di Battipaglia, di Pontecagnano, e della stessa Eboli, i quali dovrebbero rappresentare e a nostro modo ben rappresentano, l’opinione pubblica delle città nelle quali sono in carica. Una domanda, e se costoro avessero avuto diritto di voto? Probabilmente si sarebbero aperte le porte comunali. Altro grande muro che il capitale faceva fatica a costruire, lo sta preparando mattone per mattone il governo italiano negli acquedotti comunali, ma per questo vi rimando all’articolo di Gianluca Amoroso, ben sicuri che voi lottiate ogni giorno contro gli invisibili muri che si creano nel vostro immaginario.

 

Enzo Castaldi

Posted in Attualità, Chiesa, Cultura, Democrazia, Diritto, Politica | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’Autunno caldo

Posted by BubbleGun su ottobre 19, 2009

Dalla rubrica “Soggiocando” su Pensiero Scomodo

 

2jflkeoRieccoci. Come ogni anno, le aspettative infinite per l’Ottobre che viene ci rosicano le membra, stanchi ed avviliti dalle fantasticherie che abbiamo immaginato in estate, noi, povero popolo di sinistra. “Un nuovo autunno caldo! “..”Stavolta non la passa liscia, ha finito di fare i suoi porci comodi”, sentivamo vociferare qualche mese fa sotto gli ombrelloni(per chi se lo poteva permettere), bene, sinceramente a parte le tante, ennesime manifestazioni romane, decantate e poi risolte come sempre in un nulla di fatto, mancando di proseguio, vedo intorno a noi solo sconcerto e mancanza di mezzi. Non mi si fraintenda, ben vengano le iniziative di protesta, ma se hanno il solo intento di far colpo sull’opinione pubblica, se lo scordino, opinione pubblica non esiste in Italia, o è monopolizzata e strumentalizzata dai mezzi di comunicazione di massa e dalle figure obsolete che ci logorano instantaneamente le idee, o è preda di messaggi della finta sinistra populista, e di rassegnazione anti-cultura ed anti rimedi, come il buon Di Pietro e i suoi seguaci (i Grillo e i Travaglio) ci insegnano. In questo clima, ciò che cresce è l’instabilità dell’individuo che non colpisce solo il piano occupazionale, ma, ahimè anche quello relazionale. Le immagini che in maniera forzata entrano ogni giorno nella nostra testa, ci spingono a mitizzare e a desiderare i comportamenti edonistici, narcisistici, velinistici, che i decantati personaggi pubblici ci impongono, modificando televisivamente l’agire quotidiano. Schiavi, è questo che si diventa, schiavi dell’individualismo forzato e della ricerca del la moda di turno. Ma tutto ciò alla fine si scaglia inevitabilmente contro di noi: contro il lavoratore che non è più protetto dalla forza dei sindacati ormai minata; contro l’individuo solo, che finisce con l’odiare chi è più solo di lui come l’immigrato. L’Autunno caldo, è un lontano ricordo, ingabbiato nelle vecchie televisioni ora sostituite da quelle ultramoderne con tanto di decoder, schermo al plasma (che è quello succhiato ai lavoratori), e bambola gonfiabile con la faccia di Rosi Bindi che urla: “ Sono intelligente oltre che bella!”, non che ne dubitassimo.

 

Enzo Castaldi

Posted in Attualità, Cultura, Democrazia, Diritto, Economia, Novità, Partitocrazia, Politica, Storia, Televisione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

G8 Pride

Posted by BubbleGun su luglio 29, 2009

 

 Dalla rubrica Soggiocando, su “Pensiero Scomodo”

 

Abbiamo assistito qualche giorno fa, all’ennesima manifestazione nel nostro amato paese.
Per la prima volta, con il beneplacito del Vaticano e del Presidente della Repubblica, maschere colorate, felici e beate, hanno sfilato tra le macerie in quel dell’Aquila, intonando festosi cori e canzoni pro – Carla Bruni e pro-Brunetta, pro-Bruno Vespa e pro-Franceschini, accompagnati da numerosi furgoni e carri (armati), su uno dei quali si è intravisto anche Apicella in compagnia di Tarantini e della D’Addario travestita da Platinette, mentre il colorito Borghezio, non ha avuto difficoltà nel travestirsi da Michelle Obama.
Altra particolarità della manifestazione: l’organizzatore, un certo narcotrafficante di escort sconosciuto ai più, ha regalato ad ogni partecipante uomo un libro su Antonio Canova, 24 kg con copertina di marmo, rilegatura in broccato e fili d’oro, 150mila euro a pezzo, e ad ogni partecipante donna o presunta tale, un letto a 2 piazze su modello di quello di Putin, con misuratore di prestazione incorporato. Per ovviare alle ridicole spesucce, i beneficiari di tale spettacolo, abitanti tra le macerie, si son visti arrivare 393 lettere di licenziamento e crocifissione in sala mensa.

Enzo Castaldi

 

Posted in Attualità, Cultura, Democrazia, Diritto, G20, Ronde, Satira, Televisione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »